7 storie sugli Altri

7storiesuglialtri

Riuscire a smuovere dalle sue abitudini uno ottuso e cocciuto come me, specie quando si tratta di leggere-vedere-ascoltare format a cui non riesco ad appassionarmi, è un’impresa a dir poco gargantuesca. Però capita che qualcuno ci riesca e Celeste Sidoti c’è riuscito in ben due occasioni.
Seguo Celeste ormai da qualche anno, dai tempi del suo blog Carta Traccia e quando è migrato su Youtube è riuscito ad appassionarmi anche in versione audiovisiva (per me audio e basta a dire il vero, visto che me lo ascolto con le cuffie tipo podcast), vincendo la mia naturale avversione per il mondo degli youtuber. Nel suo canale affronta principalmente temi di cultura pop come anime, serie tv e film, ma lo fa con una competenza rara, riuscendo ad analizzare e a osservare le cose da prospettive originali e stimolanti. In un mondo in cui dissertare di serie tv e fumetti sulla rete ha sostituito il discutere di calcio il lunedì mattina al bar, le analisi che Celeste fa sul suo canale sono una boccata di ossigeno.

Celeste è anche uno scrittore emergente e ha da poco reso disponibile su varie piattaforme la sua prima raccolta di racconti, 7 Storie sugli Altri. Per qualche misterioso motivo, chi scrive non ha, salvo rare eccezioni (leggi Borges), una grande passione per i racconti. Non so spiegare bene il perché ma mentre non esito a buttarmi nella lettura di romanzi fluviali (i tomi-fermaporta che affollano gli scaffali di camera mia come li chiama mia madre) vado invece in crisi di fronte ad una narrazione di qualche pagina.
Con il lavoro di Celeste ho deciso fare un piccolo sforzo, sforzo che è stato ampiamente ripagato. E non solo perché i sette racconti sono notevoli tanto per stile quanto per contenuto, ma anche perché una volta tanto ho letto qualcosa in cui mi sono rivisto, vi ho ritrovato sensazioni ed emozioni che mi è capitato di provare. Talvolta in un’opera scorgi, anche fugacemente, un riflesso di te, ti fa ricordare qualcosa che avevi dimenticato, ti smuove qualcosa dentro. Purtroppo ciò mi accade sempre più di rado.

I racconti che compongono la raccolta sono brevi, in certi casi brevissimi. Difficile etichettarli per genere perché anche nei casi in cui dal genere prendono le mosse la narrazione verte improvvisamente in direzioni inaspettate. È il caso di Natale ad Hamelin, nerissima riscrittura della fiaba del pifferaio magico, e Parlare con i Morti, racconto dalle atmosfere gotiche che deborda nell’orrore esistenziale. Seguono quelli davvero impossibili da categorizzare come Carie e Skynepia, quest’ultimo un incubo a base di alienazione e retrogaming, sicuramente il racconto più inquietante del lotto.
Quelle che ti rimangono nel cuore sono però quelle storie che affrontano più o meno velatamente il rapporto con l’Altro, intenzione dichiarata sin dal titolo. Che sia l’ordinaria storia di emarginazione scolastica di Evidenziatore Stabilo Giallo, l’alterità fisica e psichica data dalla disabilità di Sirena o l’Altro inteso come parti della nostra identità frammentata di Per Sempre Insieme, Celeste affronta questi temi in maniera autentica, perciò a tratti pure disturbante, ribaltando ruoli, preconcetti e prospettive. Sette piccole storie raccontate attraverso uno stile che, pur adattandosi alle atmosfere più eterogenee, denota già una sua identità ben definita.
Per terminare una nota prettamente affettiva e personale. Gli scorci di infanzia (altro tema che ricorre nella raccolta), come la descrizione della quotidianità della scuola elementare, evocati in alcuni racconti mi hanno fatto travolgere dalla malinconia e dalla nostalgia, quella vera, quella delle cose vissute. Come accennavo sopra, una volta tanto ho ritrovato un vissuto genuino, esperienze analoghe che ho la sensazione di aver condiviso. Non so se fosse lo scopo dell’autore, ma è un interessante effetto collaterale.

Come primo piccolo passo di Celeste sulla via della scrittura questo  libro fa ben presagire.  Sul suo blog trovate tutto ciò che c’è da sapere sulla raccolta (disponibile in formato digitale e del tutto gratis). E non dimenticatevi di fare visita anche al suo canale Youtube!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...